Le mie Marche. Pesaro-Urbino

La provincia Bella!!!

Archivio per Gastronomia

SAPORI DI IERI E DI OGGI- Mondavio

Domenica 13 giugno 2010

Mondavio

L’Associazione Pro Loco Mondavio assieme al Comune Mondavio e all’Associazione Paesi Bandiera Arancione vi propongono:  “Sapori di Ieri e di Oggi” una mostra mercato di prodotti tipici dei nostri luoghi all’interno della tradizionale “Fiera di S. Antonio“.

Annunci

Scroccafusi

Ingredienti: 500 g circa di farina, 5 uova, 150 g di zucchero, 2 cucchiai d’olio,4 cucchiai di mistrà, scorza grattugiata di 1 limone,strutto od olio per friggere, alchermes, zucchero.

Preparate un impasto con la farina, le uova, lo zucchero, l’olio ed il mistrà, senza dimenticare di aggiungere la scorza grattugiata di un limone. L’impasto dovrà risultare malleabile a tal punto che sarete in grado di formare degli “gnocchi” di pasta grandi più o meno come dei mandarini. Portate a bollore una pentola d’acqua e gettatevi tre o quattro alla volta questi agglomerati di pasta. Divideteli con una paletta di legno mentre cuociono per circa uno o due minuti. Scolateli con una schiumarola ed incidete nel centro una croce. Fateli asciugare su un canovaccio tenendoli coperti.Avete due opzioni: friggerli o cuocerli al forno. Se decidete per la prima potete utilizzare dell’olio per friggere o dello strutto, avendo cura di farli asciugare su un panno assorbente dopo la frittura che deve avvenire molto lentamente  a fiamma bassa.Se decidete di farli al forno dovete farli cuocere per almeno 30 minuti a 150°C. In entrambi i casi, dovrete cospargerli di zucchero ed alchermes o con del miele caldo.

Calamara-Fano

È stato inaugurato il nuovo locale,  “Calamara” al Molo di Ponente, zona Lido di Fano. Il ristorante nasce dalle ceneri de “la Barca”, un progetto ereditato dalla ditta Petrucci e fortemente voluto dalla Famiglia Pierangeli. Dunque, un locale che offre cucina di pesce fresco locale, nel quale si può consumare un aperitivo, un pranzo o una cena e in cui poter proseguire l’intera serata fino a tardi. Musica dal vivo, buon cibo ed uno splendido panorama.

Moretta Fanese

La Moretta fanese è un caffè corretto  originario della città di Fano. È forte e dolce, e solitamente si beve come un digestivo. Si ottiene da una miscela di anice, rum e brandy che varia a seconda delle ricette personali, ma solitamente in parti uguali. Una variante utilizza il cognac al posto del brandy. Il liquore va scaldato con zucchero e una scorzetta di limone o di arancia, fino a sciogliere lo zucchero. In seguito si aggiunge il caffè espresso ben caldo,versato delicatamente in modo da non mescolarlo con il liquore.

Recentemente la moretta è diventata un cocktail ufficiale AIBES (Associazione Italiana Barman e Sostenitori)

Spaghetti Mare e Monti

INGREDIENTI  400 g di spaghetti, aglio, olio, sale,  400 g pomodori ciliegina, 400 g di calamari, olio extra vergine, 400 g di funghi misti.

PREPARAZIONE

Eviscerate e lavate i calamari, tagliateli a pezzetti e soffriggeteli nell’olio con l’aglio ed i funghi mondati e lavati.Sfumate col vino, appena evaporato aggiungete i pomodorini tagliati in 4 pezzi e del  sale. Lasciate cuocere per il tempo di cottura degli spaghetti,  saltate il tutto col prezzemolo ed il peperoncino.

Buon appetito. 

Vincisgrassi

INGREDIENTI

Per la sfoglia: 500 g di farina, 5 uova, 1 cucchiaio d’olio, un po di sale.
Per il ragù: 250 g di vitellone magro macinato grossolanamente, 20 g di funghi secchi rinvenuti in acqua bollente strizzati e tagliati a pezzetti, un paio di cucchiai d’olio,  cipolla, carota e sedano tritati, 2 dl di salsa di pomodoro densa, 50 g di prosciutto crudo, grasso e magro tritato, 1 bicchiere di vino rosso, un po’ di farina, una presa di foglie di maggiorana, noce moscata, 100 g di fegatini di pollo cotti, con un pò di cipolla, in una pallina di burro, 50 g di burro, 150 g parmigiano grattugiato, 1 tartufo, 1/2 litro di salsa besciamella.

PREPARAZIONE

Tirare la sfoglia come per le normali tagliatelle, tagliarla in pezzi quadrati da 7-8 cm di lato e cuocerli in acqua bollente salata, un po’ alla volta, e, man mano che si scolano stenderli su un canovaccio umido.
Per il ragù: in una casseruola rosolare con l’olio un trito di cipolla, carota, sedano e maggiorana unire la carne ed il prosciutto macinati, rosolare, aggiungere una cucchiaiata di farina, mescolare bene, far prendere colore, quindi diluire con il vino rosso e farlo evaporare; salare, pepare, grattugiare l’odore di noce moscata, versare la purea di pomodoro.
Su una pirofila imburrata posizionare uno strato di lasagne, condirlo con alcune cucchiaiate di salsa, di besciamella e di parmigiano; coprire con un altro strato di lasagne e condire alla stessa maniera; continuare così fino ad esaurimento degli ingredienti.
L’ultimo strato sarà di lasagne cosparse di parmigiano e di alcuni fiocchetti di burro.
Infornare e gratinare.

Il piatto del Duca-Urbino

Dal giorno 20-04-2010 al giorno 28-05-2010

Urbino

L’iniziativa ” Il piatto del Duca” nasce dall’unione di Confesercenti, Fiepet e Federazione dei Ristoratori, con la collaborazione di Comune di Urbino, Camera di Commercio, Provincia di Pesaro e Urbino, Regione Marche, Ais e Accademia Italiana della Cucina, i quali hanno deciso di unire la cultura e la storia del Rinascimento alla tavola.
In 10 ristoranti del Montefeltro si potranno gustare ricette della cucina rinascimentale, riproposte in maniera fedele, con gli ingredienti e le tecniche di preparazione di un tempo, pur rispettando le esigenze e i gusti moderni.

Per info: http://www.confesercentipu.it