Le mie Marche. Pesaro-Urbino

La provincia Bella!!!

Il Dialetto marchigiano!!!


Dialetto del gruppo gallo-italico che rappresenta tutto il nord Italia padano esclusa l’area veneta. quest’ area, che corrisponde a quella d’influenza celtica, arriva fino a Senigallia, entroterra compreso. Nel pesarese, le valli del Conca e del Foglia parlano dialetti che formano un sottogruppo del romagnolo sebbene al di fuori della Romagna intesa in senso amministrativo. Questo aspetto comprende anche il dialetto fanese e della Valle del Metauro mentre la Valle del Cesano  si avvicina ai suoni caratterisici del centro Italia. Le aree pesaresi al confine con l’Umbria e la Toscana  deviano verso quei gruppi dialettali.

Esempi di alcune frasi dialettali:

Io vado = me a’vagh (pesarese), i vagh (fanese, urbinate)

Te lo dico = a te’l degh (pesarese), te’l digh (fanese, urbinate ).

Con = sa (pesarese, fanese ma anche sudromagnolo).

Così = d’acsé (pesarese, urbinate ), d’acsì (fanese).

Cosa vuoi? = co’ t’vò? (pesarese), cu’ voi? co’ vu? co’vua? (fanese), sa vua? (nell’entroterra, urbinate)

Dove vai? = do’ t’và? (pesarese), du vai/vèi? (fanese) du vè ? ( urbinate)

Cosa fai/fate? = co’t fa? (pesarese), co’ fai/fèi (fanese), sa fèi? (nell’entroterra) sa fè ? (urbinate)


    

    Annunci

    46 commenti»

      livio wrote @

    Vuria còrege cuela ca par me é ‘n’erore:la zona galiga nun pole farmase a Senegaja,parché:1)Esa ‘riva anca sota de’Ncona.Enfati la p’rola SA par dè CON é òsata da le pertsone ca vivene intorna la cità.IO VADO se dige en Ancona:a vago o io vago (a vole dè en dialetto:io,cuini dè:me a vagh(ca pò parché el scrivé cò l’h?Nun c’é besogno à già òn tsono duro scrèta vag)é como dè:io io vado.’n ste p’role nun ce vego(el vulemo scriva vegho?)tòta sta defarenza.TE LO DICO:A TE’L DEGH(pesarese)(cui p’rò me pare c’l’avé screto male par me sa scrive:A T’EL DEGH ,io te lo dico o te lo dico.En Anconetà saria:A T’EL DIGO(digho?) o T’EL DIG(H)O o T’A EL DIGO.Molto daferente ?Sa pò vardamo el fanese:TE’L DIGH ma pare ca tòta ‘sta daferenza, ma indov’é?’lora cuane sa ‘score de sito galico vardé meio el cunfine .Ca pò el descorso nun’é ca se pole fa al cuntrario?E se fose ch’é ‘n tela basa Rumagna ca scorene en marchigià?A Cesena già àne dei suspeti sora la pruvincia de Rimini ,ca sia na pruvencia marchigiana infiltrata en Rumagna .Tsaluto

      livio wrote @

    Nòn ts’ago parché ma el cùmento i v’l’avria fato,indove sta?Steme a santì :la zona galica nun sa pole farmà a Senegaja.Dé cusì é ‘na feseria.I ‘senpi ve l’ago fati in tel’altra letra.Sa vulé v’l’ariscrivo dime voaltri.Speto resposta.Tsaluto.

      Erica wrote @

    ahahah sei proprio un marchigiano doc! il tuo dialetto è molto diverso dal mio…e non ci capisco niente!

      livio.fabretti@libero.it wrote @

    Erica,ma c’el saghi ca ci’aghi on bel suriso?S’al voi ta fago la traduziò.Ma te ca dialeto ‘scori?D’indove sai?Io scoro en anconetà,arminese,on pogo en venesian(ma me piage anca el milanes)-ganzo el spot de ‘el gha el Suv’-ta pare?Comunque rimango sempre del parere che ho espresso nei miei 2 commenti sopra:la zona galica no sa pole farmase a Senigaia e s’al volè ve posi fà di ‘senpi.Ciao bela e scrive do p’role ca pò le cunfruntamo.

      livio wrote @

    Scrive nel libro ‘mistero buffo’ il premio Nobel Dario Fo :’Nel rappresentarvi questa storia(il primo miracolo di Gesù Bambino),uso un linguaggio che è l’insieme di parecchi dialetti del Nord,tra i quali prevale il veneto’.Ecco un elenco di alcune delle parole e frasi riportate nel succitato Capolavoro:de boto,in tel,derento,stele,manera,andaveno,andemo,capana,émo capit,s’endormenta,tera,te magno,còre al tròto,se pol,la prema volta,me ne incorgevo,vago da solo,granda,contra la muntagna,fiol,conili,galine,capana,pregàr de fora,àseno,e alòra,longo el camìno,pachi e pachèti,lònghe tòri,varda,sèmo rivàt,s’é endormit,l’èra inrabìta,no’ se capiva ‘na Madòna,bòni,el fiolìn,fameja,straca,pare,un toco de pan,matòni,bèla,anca,par tera,nianca,nemanco,te vojo bèn,spalanca el portòn,gàto,sota,mama,…e così via.Tutto questo sta a dimostrare che se questi sono termini dialettali del Nord,e se lo afferma Dario Fo sfido chiunque a poter affermare il contrario,possiamo mettervi nell’elenco il dialetto Anconetano visto che tali termini fanno parte anche del suo dialetto.In conclusione visto e considerato quanto sopra,come fanno e su quali basi ad affermare certi ‘tomi’,certi topi da biblioteca,che la linea dei dialetti gallici si ferma a Senigallia?Anche ad Ancona ,l’elenco citato sopra lo dimostra,si parla un dialetto del Nord.Quindi per favore ,correggete la vostra prefazione in prima pagina e non ripetete papagallistigamente l’errore fatto da’luminari’ del dialetto ,che di dialetto non ne capiscono un’acca.Grazie e un ciao a tutti.

      livio wrote @

    A m’arcordo de cuane le doni giuane e bele
    suspiravane cò la facia fora d’la fenestra e cu i’oki vardavane le stele par veda s’inera ona anca piò lumenosa cusì da dè cuelo é’l mi belo,par po insugnaselo stregnendo el cuscì.Pora stela ca sai,ma nun ci’al saghi ch’anca lu ta pentsa e stregne el cuscì contra la su facia e vuria ch’el core su fose piò grando da fatece stà drenta?Vardé tut’e dò da no perda la feda.Dighelo te a lia e dighelo te a lu dumà sa vulé ch’el tsogno daventi rialtà e puesia.
    Ciao a tuti .Ciao bele fiole ,arcurdeve ch’vulese bé nun’è cume le sciapate che c’enene en televitsiò o fane veda en certi film

      Luca wrote @

    Livio, ma quello che scrivi è proprio dialetto anconetano? Se lo è, ha ancora delle buone somiglianze grammaticali col romagnolo, più di quello che credevo, anche se non c’è più la caduta delle consonanti finali che è una delle caratteristiche principali dei dialetti del nord. Quello che sento da alcuni amici, che magari lo parlano “italianizzato”, è un po’ più comprensibile. Luca da Fano.

      livio wrote @

    En te la famija mia ,cuano ero picinì,sa scorèva tsolo en dialeto ancunetàno.Fora de casa segondo cò chi eri.El dialèto ca scrivo è cuelo de casa.Ogi i nun ci’al sago propio cume scorene i giuani.A mi nepote ,ca nun’è propio òn fiuleto ,on giorno i ago dito :cume sa dige en dialeto ancunetano :allungami la bottiglia dell’acqua.?Lu nun c’el tsaveva.I l’ago dito io:slongame la buteija d’l’aqua.i’amighi tua sta frase la dighene cuscì?(cusì).L’ancunetà ca scoro io è cuelo ca sa scureva tra i purtuali i pescatori.Dissento comunque quando dici che una caratteristica principale dei dialetti del nord è la caduta delle consonanti finali.Se questa è una caratteristica basilare allora mettiamoci tra i dialetti del nord anche il campano e il pugliese(che non concludono o troncano il finale delle loro parole con la vocale.On giorno ta scriverò òna serie de p’role en ancunetà,rumagnolo e venesiàn e pò ma dirai sa polene ese parenti.Ciao e stame bé.

      livio wrote @

    Va fago( do) ‘senpi de p’role ancunetane e rumagnole:acqua=a)aqua.r)aqua.-asino=sumaro,sumar.-abbottonare=butunà o inbutunà,butunè.-adesso=adè o dèso,adès.-allora=alora,alora.-bere=beva o beve,bev.-brontolare=sbruntulà,sbruntlè.-dentro=drenta,dreinta.-fatica=fadiga,fadiga.-fuori=fora,fora.-lungo=longo,long.-lontano=da longo,da long.-noioso=nuioso,nuios.-neve=neva,neva.-nuovo=novo,nov.-povero=pureto,puret.-pecora=pegura,pegura.-polipo=folpo,folp.-pioggia=piova,piova.-stanco=straco,strac.-utile=comudo,comud.-vuoto=svoito,svoit.
    Secondo voi c’è parentela tra questi termini dialettali ,si o no?Per me si e ne farò ancora più avanti,per adesso,ciao.

      livio wrote @

    Cara Erica,t’ago da fate i cumplementi mia p’el tsito ca ci’aghi,indove sa pole ‘sprime l’upiniò propia sanz’ese censourati:dimostraziò de ki cià la mente ‘perta.Cuesto p’rò nun sago sa se pole dé de on tsito de Senigajia:il dialetto Senigalliese torna in auge.Lora ane fatou ‘na dumanda:trovandosi il dialetto Senigalliese proprio sul confine tra le parlate galloromanze e quelle italoromanze,chiedeva:voi dove vi collochereste nella zona del Montefeltro o quella merchigiana umbro-meridionale?Facendo l’affermazione che a un turista che passa per Senigallia tale parlata suona mezza romagnola -mezza umbra-marchigiana.Io mi sono permesso di esprimere la mia opinione con un linguaggio adeguato e privo di parolacce e termini offensivi,per tutta risposta risulta che io ho fatto un commento,ma non é riportato.A chi lo vuole leggere viene fatto notare che é classificato come commento sconsigliato;per leggerlo devi iscriverti come persona VIP.Tutto questo mi sembra assurdo possa accadere in un paese libero.E’ probabile che in altra data riporterò ,facendo uso della memoria,quello che praticamente avrei affermato,magari avendo il piacere di ascoltare anche l’opinione di altri a riguardo.Grazie e ciao a tutti.(ciaou Erica ci’aghi el souritso piò belo de toute).Sentsa ufesa pe l’altre.

      livio wrote @

    Scuseme,ma ci’ago voia da scriveve.’Lora cusa va posa dé,kì la storia la sa fa longa,la genta ma pare ch’en cià piò patzientza.Sa skata pe’na sciapada,ene tuti ribeli en c’è piò regoula,nisciuno sa countenta.Anca s’an ce stane piò i quadrini la genta sa vole divartì listeso e vane a rinpise de bufi ‘ndove c’andremo a fenì?Ma nialtri semo beli,bravi e buli,va pare?Strignemo i denti e ‘ndamo ‘vanti:dumà è n’anto dé, sa vedrà.Bone ferie e divartive ca pò cuano ene finide artornamo a piagne d’arnovo e a lamentace ca touto è piò caro.Ciao a touti e no ve la pié.Livio.

      livio wrote @

    Scuseme,ma vuria courege ,en te la ‘ntroduziò,cuela ca par me è ‘n’afermaziò no coureta:…parlano dialetti che formano un sottogruppo del Romagnolo….Perchè non trovo corretta questa affermazione?1)Si parla del Romagnolo come di una parlata, di una lingua unica,cioè:se mi dovessi trovare in qualsiasi parte della Romagna la parlata ,le parole,le definizioni sono sempre quelle,sempre uguali;questo non corrisponde alla realtà,perchè ad esempio il riminese non è come il romagnolo che si parla a Cesena o a Forlì,Riccione,Cattolica,Santarcangelo,Ravenna,Imola ,per non parlare poi di quello parlato nei sette comuni secessionisti tipo Novafeltria,o Casteldelci (ma li avete mai sentiti due persone di Casteldeci che parlano in dialetto tra di loro a me è capitato,praticamente è un misto di termini e accento Anconetano-senigalliese-romagnolo-toscano.Eppure nessuno dubita sulla loro appartenenza alla Romagna,di conseguenza il Romagnolo non è un’unica parlata ma un’insieme di parlate molto simili fra loro,ma comunque spesso con termini diversi,quindi ne consegue che le parlate della provincia di Pesaro-Urbino e per la parte più che altro costiera della provincia di Ancona,possano a loro volta(chiaramente essendo una zona di confine per Senigallia e Ancona si può parlare riguardo ad esse di una percentuale di parole derivate dal gallico(80%)e mediane(20%), non un sottogruppo del Romagnolo.In definitiva o queste parlate o sono romagnole o non lo sono;non esistono sottoprodotti.Al limite esistono parlate miste con le loro rispettive percentuali.2)Che dire dell’accento?Sembra che per appartenere o essere considerata zona o lingua gallica ,più facciamo assomigliare l’accento al Romagnolo della Romagna e più possiamo affermare che l’accento Pesarese,Fanese,Senigalliese,Anconetano,più c’è possibilità di essere considerati gallici e quindi del Nord.Non c’è niente di più falso.Ad esempio,che parentela di accento vi è tra Piemontese,Lombardo,Veneto con l’accento Romagnolo:si può dire nessuna;ciò nonostante nessuno tra loro può dirsi più o meno gallico degli altri.Quindi ognuno continui ad avere tranquillamente la sua naturale pronuncia:l’appartenenza o no alla zona gallica dipende dalle parole stesse che compongono il dialetto,dai suoi termini,dai modi di dire,dalla loro derivazione,dalla loro storia e coltura.Non dall’accento ne tantomeno dal troncare le parole con la consonante finale(se così fosse anche i Pugliesi o i Campani possono rivendicare per i loro dialetti come appartenenti al gruppo Gallico).L’appartenza al gruppo del resto non deriva dall’essere un discendente dei Galli ,come qualcuno crede o vuol farci credere,ma di aver assimilato nelle proprie parlate termini francesi dell’epoca Napoleonica .Il dialetto o le parlate considerate romagnole o meno romagnole o simili o no della zona (chiamata Romània dai Bizantini,e che andava da Ravenna e da Bologna fino ad Ancona(compresa),sono nate nei secoli VI,VII,VIII.Sotto l’esarcato di Ravenna e sotto la Pentapoli(alleanza non solo militare tra le città di Rimini,Pesaro,Fano,Senigallia e Ancona).Capite perché,secondo il mio modesto parere ,queste parlate non possono ne devono essere considerate il sottogruppo di altre;ne meno o più romagnole di altre ,se andiamo a conoscerne l’origine o la data di nascita?.Chiaramente oggi i confini regionali sono diversi da quelli che erano in epoca Bizantina o post-bizantina.Ma la parentela comunque rimane e anche la loro gallicità.Spero chiarito e non aver confuso le idee .Ciao a tutti ,con affetto Livio.

      livio wrote @

    Da pogo ago leto on cumento so l’afermatiò:una caratteristica dei dialetti del nord-Italia e della loro gallicità è il loro troncamento delle parole sull’ultima consonante,caratteristica però assente nel dialetto Veneto.Nonostante questa ‘anomalia’il dialetto Veneto viene comunque considerato gallico.Cusa voio dé:Ki sa òno vole fa como i pare a lù.Se il troncamento è fondamentale per essere un dialetto considerato gallico,come fa il dialetto Veneto essere considerato tale visto che il troncamento è praticamente assente? Perché per esso possiamo fare un’eccezione e la stessa eccezione non possiamo farla per il dialetto Anconetano,affermando a detta di alcuni che il troncamento è diverso perchè preso dai dialetti mediani?Perchè invece non può averlo preso dal dialetto Veneto?Visto che poi,guarda caso,si affaccia sullo stesso mare?E che , guarda caso,praticamente un 40-50% dei suoi termini sono veneti o stretti suoi derivati?Vogliamo,usare un peso e fare due misure?Se poi completiamo la percentuale del dialetto anconetano troviamo queste percentuali:40-50%parole venete o loro derivate,40%romagnole(riminese,pesarese,e altre zone)e loro derivate,10%(termini francesi,spagnoli,levantini,greci ),10%(mediani-umbro-laziali).Che poi a proposito di questa ultima percentuale posso suscitare dei dubbi che sia proprio del 10%,perchè?Prendiamo ad esempio la parola italiana meglio,in anconetano si dice meio ,come in veneto si dice meio,ma anche anche a Roma si dice così potrebbe dire qualcuno,ma attenzione a Roma si scrive:mejo o mejio ,perchè?Perchè nei primi due casi la i non viene pronunciata lungamente ,nel terzo caso si,quindi anche se apparentemente il meio anconetano può sembrare proveniente sia dal termine veneto che da quello romanesco in realtà una corretta pronuncia in dialetto anconetano ,ne conferma la sua provenienza dal dialetto veneto.Questo vale anche per altri termini simili tra dialetto veneto e romanesco es:scuola:che in tutti e due i dialetti si dice :scola. come in anconetano(ma in questo caso anche in romagnolo e Pesarese o sbaglio?).Cuore:core.Dico:digo.Vado:vago.Faccio:fago.Fatica:fadiga.E così via…possiamo allora affermare che il dialetto veneto è un dialetto mediano,umbro-laziale(guai al mondo ,qualcuno griderebbe!,la sua pronuncia poi è totalmente diversa da quella romanesca!)ma perché,scusate anche quella anconetana è diversa da quella romana,essa infatti è molto simile se non uguale(fatta eccezione nell’uso delle parole tronche)al dialetto di Senigallia di cui nessuno dubita la gallicità.Datemi retta se Senigallia è gallica,dopo tutti gli esempi sopra citati ,lo è anche Ancona.Ve lo dice uno che oltre a conoscere i dialetti citati,li parla anche e ne conosce le pronunce e ha vissuto e vive in queste zone;non un dialettologo di secondo ordine che chissà da dove viene e chissà su quali libri basa l’asserzione che l’anconetano sia in assoluto un dialetto centro-mediano con qualche termine gallico arrivatovi chissà come;e tutto andando contro le affermazioni fatte da due dei più grandi dialettologi italiani il Merlo e il Tagliavini,che praticamente affermano il contrario:la base è gallica.Ciao a tutti Livio.

      livio wrote @

    Endovenèlo,préma en Ancunetà,pò en Armenès.Sapé cusa vole dé?En Pesarès ,cume al digé?:Da du dé,do m’dà’da di.(anconetano).Da du dé,do im dà da di(riminese).
    N’antro en’Arminés(l’ago enventatou iou):sa te t’à tant’an ta ti tin.Ciaou e bona traduziò.Livio.

      Fanés wrote @

    Livio sei fortissimo! e le tue analisi sono molto intelligenti. Di dove sei?

      livio wrote @

    M’a despiage ,ma vagou da fave ‘na racumandaziò:’st’anou fé de piò i bravi fioli.Ma como parché ?La vèchia(la bafana)va castegatou c’ol garbò:piò tase,bulete piò alte,tike piò cari.’ntsoma va duvé dave ‘na calmada:fé i boni,en ve scalmané!Sculteme ‘na bona volta!va pare?Cus’avé da fà?:sté senpra zèti,en ve scunpuné,dé senpra de sjì e vadré ca par l’anou novu cia sarane bone nouvidà.Ciau a touti.Livio.

      Gilberto Sacchi wrote @

    Abbiamo organizzato la seconda edizione del Premio Agorà, vi segnaliamo il sito dove trovare il bando per partecipare alla “NOTTE DEI DIALETTI MARCHIGIANI”.
    Un cordiale saluto a tutti con la speranza di poterci incontrare.

      paolo wrote @

    m par k l’unica persona a scriv en t’st blog e’ Livio d’Ancona. Nn’el so si c’ha ragion lu, Pudria ess. I en so en linguista ma pens k i dialetti e i acenti cambian sa l valat. I so d’la val del Cesan, en la provincia d’Ancona, pro’ me par k l dialett nostr nn’e’ tant difrent da ki altri posti d la val del Cesan k stan en la provincia d Pesaro. Tant, sen a 4-10 km d distanza! Pro’ c’e’ na bella difrenza tra i dialetti del Cesano pesarese (com a Marotta/Mondollfo) e dialetti k s parln malasu’ vers Fan e al intern, cioe’ ntla val dl Metauro. Per me e’ vera k da noialtri se sentn fort i elementi umbri/centromarchigiani. E’ na zona di transizion, valata dop vallata. N so quasi nient de l’Anconetan. Ho sempr pnsat k foss un dialett sa m bel po’ d’influenze esterne dvut a la storia del port. donca en dialet peculiar e separat da ki altri.Comunq tutta sta storia da vess part del nord o del sud basata sui dialtetti me par en sbaj gross, un’ossession italiana. i so d l March e non parlaria mai in dialett colmo’ in presenza de gent civil. prche’ so italian, tant quant un d Cagliari o d Triest.
    Trovo che la linguistica sia una scienza affascinante, pur conscendola solo superficialmente, ma quando usata per discriminare, diventa un arnese al servizio di operazioni fascistoidi,

      Fanés wrote @

    Ma Paolo i dig che machì niusciun c’ha mai avut problema de razismo, donca pol stà tranquil, sin machi per discurra dla lengua, pro sensa compless o pregiudisi. Pu i dig che parlà el dialet non vol dì essa incivil, el dialèt c’ha na storia de centinar e centinar d’an, esistn scienziat italian e stranier che passn la vita a studial e tocaria parlal più spess sidonca dai e dai mor e alora adio. L’important e a savè parlà anca l’italian e magari n’atra do tre leng(u) evropee.
    Ma Livio i vria dì che la teoria dla vicinansa tra el venesian (o veneto) e l’anconetan è interesant un bel po’, Ancona è statta e è na cità rivolta al mar adriattic, podarsi che qualca volta c’aveva più contatt sa Venesia che ne sa le cità vicin e donca podarsi anca che c’ha’vut influens venesian, ma anca che Venesia c’ha avut influens anconetan. Si scigur che nisciun c’ha dat qualc studi? Anca el discors del troncament dle parol ch’en è garansia de radic gallica è senzatr giust. Livio fai sempr dle considerasion davera bon(e). 🙂

      livio wrote @

    Amigo Fanés,a vuria r’ngraziate par la stéma e le p’role ch’m’aghi scrètou.A cuanto pare,en counsederaziò de cuanto ago scrètou en ti cumenti mia(cercando di essere obbiettivo e mettendo in evidenza le cose relative al dialetto per quello che sono),de p’rtsone intelligenti(oltre a me,e ancora ti ringrazio per la stima che mi fai),cume m’nemo cen’é n’antra :el Fanés.P’rché a digo cusjì?P’rché te aghi cap’tou ‘satamente en r’sposta ma Paolo cuelo ch’a vulevou dé.El razismo pò en c’entra gnente.Né el dialetou:parlalo,ragiunase sora,fage ‘na chiacarada,de scigurou en devide l’Itaglia,ne le pertsone ch ce vivene.E’n modou com’on ‘antro par capì cuelo ca ogi semo d’ventati,e cuelo ca vuremi esse .Dal restou quanto centasesantani fa,l’Itaglia (se guardavi una carta geografica dell’epoca)pareva el v’stetou d’Arlechì,ma questou nun’ha ‘mpeditou d’unila:lora adè par tenela unida duvemi scurdace el dialetou e score tsolo en’itaglià?De scigurou el scureremou cun chi ci’a score en’itagliano(la lingua italiana,il vivere,essere nati in una penisola che dalle Alpi fino all’estremo sud delle isole della Sicilia,fa sì che siamo tutti italiani.El pudemi paragunà tutou cuesto al filou ca tiè unide le pèze d’el v’stitou d’Arlechì.S’el filou é bono,sté sciguri ch’en se sbrega. Te tsalouto cun afèto.Ai prosimi cumenti.Ciaou a tuti.Livio.

      paolo wrote @

    Cari Livio e Fanes,

    ho capit co volet di voialtri e so fondamentalment d’acord: el dialet, specialment ntl Marche e’ interessant un bel po’ e io so abastanza apasionat e curios de sape’ la storia sua, da ndo vien’n cert parol o espression. Nsomma l varieta’ d’l parlate dla region e’ fascinant un bel po’. Io so tra quei che voln protegg l dialett marchigian. Anzi m dispiac che l dialet mia e’ annacquat si el paragon sa quel de mi nonn. Quel che i voleva di’ e’ k tutti quanti el sapen ben k in italia c’e’ n gross pregiudizi tra l nord el sud. noialtri sen tel mez, vuria evita’ k s’usass il dialet per fa com fan ki altri. Io vivo negli Stati Uniti e una volta sono passato davanti a un ristorante che offriva nel suo menu’ i Vincisgrassi. Visto che quando vivevo in Italia da giovane ne ero tanto goloso, no ho saputo trattenermi dall’entrare e chiedere se c’era il proprietario. Ci siamo presentati, Lui era di Porto Recanati, e mi ha offerto un bicchiere di vino. Poi mi ha chiesto: “Ma tu di dove sei esattemente?”, “Di Senigallia”. Lui ha risposto “Peccato!!!” Era na batuta skerzosa ma listess m’sa k c’era ank na certa amarezza com si eravam difrent. En magnan la stessa robba e bven le stess vin, porca matina?!
    Riguardo all’uso del dialetto: i parl dialet sa mi madr e mi fratel, e m da gust un bel po’, pro’ me sembra n po’ da grezz parla’ n dialet quand vo a fa spesa al Ipercoop ank prke’ non poss presum k tutti enn d Snigaja o k parln el dialet. Molti veneti e Napoletani per esempio lo fanno, come se fosse la loro lingua, la qual cosa va bene, pero’ attenzione a non voler coscientemente escludere chi non la capisce. En vuria ch’Arlechino arniss oltra.

      livio wrote @

    Carou Paulo(Paolo),sa vardamo la ‘storia’,el perigulo ca posine arturnà ‘azioni fascistoide’,esa ‘ntsegna ch’el fascimo(sa vulemo score d’l’Itaglia,ma el stesou el polemo dè del nazismo,e tanti altri)ha cunsolidatou el su pudere propio sfrutandou l’unità nazionale e la lengua etagliana e no de sijgurou el dialeto;anzi ‘diretura digendo:’sendo no’ discendenti di Rumani ,duvemi arfà l’imperou cume lora.E giò bòte e agua fresca a cueli ch’enerene dacorda.E’ vera ca’n b’sogna ese tropu ‘campanari’,ma sa comou dighi te el fane i’antri (napuletani,veneti)parché en’el pudemi fà anca nialtri cuandou sema da par no’?Sa cuelo de Porto Recanati t’ha dito cusji ,pole d’arse ca vuleva sch’rzà,o ci’aveva paòra ca vulevi el da magnà a gratis.Sa pò en sch’rzava ,ma pare ca s’é compurtatou òn pò da ciambotu.Donca en te ‘rabì,’n’ese tropu pr’ocupatou sa scori en dialetou.Como poi veda,c’ene tante pr’ole ca sasumiane tra Senigajese,Ancunetà e Fanes;’diritura ci’acapimi.Ogni valata avrà la su deferenza ,ma la base ma pare cuela.Vo’altri, cusa dì?Ciao a touti beli,e vulemuce bè.Livio.
    P.S.A l’amigo de Fano:sò natou in Ancona.

      livio wrote @

    La lingua francese,quella italiana e quella spagnola sono considerate lingue neolatine,lingue parenti.Perché?Esse sono nate,discese dal latino;il quale oltre a provvedere la maggioranza dei termini che le compongono,ha dato ad esse una solida base per le loro regole grammaticali.Permettendo con l’uso dell’alfabeto di far diventare parola scritta e aggiungere ,ai termini neolatini ,quei suoni gutturali parlati da quei popoli invasori illetterati.Chiaro é ,che se non fosse per la base latina,non potremmo parlare di queste lingue e popoli nemmeno di parentela.Pur essendo parenti stretti allora,da che cosa esse sono accomunate?.l’accento?Non mi risulta.Il troncamento della vocale finale?Non mi risulta.E allora da che cosa?Ma é chiaro:dalle parole stesse.Per quanto riguarda i dialetti italiani,possiamo giungere alla stessa considerazione fatta per le tre lingue summenzionate:derivano per la maggioranza dei loro termini dal latino così come la loro struttura grammaticale.Né tantomeno é l’accento,né il trocamento finale della vocale a imparentarle.Come catalogare allora se una della zona gallica e un’altra,no?O mediana o meridionale?Io sarei giunto a valutare la questione seguendo un certo criterio,un certo ragionamento,che cercherò di spiegarvi una prossima volta.Se nel frattempo vorrete esprimere le vostre idee a riguardo vi ringrazio e vi saluto con affetto,Livio.Ciao a tutti.

      paolo wrote @

    Ci sono molte similarita’, ma anche molte differenze tra lingue e dialetti neolatini.E’ un dato di fatto, neutro. Secondo me, se lo scopo e’ quello di dimostrare che i gruppi dialettali/linguistici hanno molto in comune, allora si metteranno in risalto le loro somiglianze. Se, invece, si ha l’intento di dimostrare che esistono notevoli differenze tra questi gruppi, le peculiarita’ di ciascuno verranno messe in primo piano. Se, per esempio, si vuole dimostrare che tutti gli Italiani hanno simili qualita’ (morali, culturali, etc.) si dira’ che i loro dialetti o le loro usanze sono di poco rilievo. Per rifarmi a quanto dicesti tu, minoranze linguistiche e dialetti si possono eliminare per legge stile Mussolini, secondo il quale gli Italiani erano superiori agli altri. Se invece si volesse dimostrare che gli Italiani della Padania fossero superiori agli altri Italiani per ragioni storiche, economiche, etc., allora si cominciano a tracciare linee di separazione, usando, per esempio,le differenze tra i dialetti.

      livio wrote @

    Quali caratteristiche,secondo voi,mettono in evidenza l’appartenenza delle frasi che seguono in dialetto romagnolo ,classificandolo settentrionale o gallico?:e’ mi fiòl e vòl la mnèstra prèma d’andé ma la scola.Nielt(r) vulèm(i) e’ ministròn prèma d’andé a fadighè.
    Di certo,a mio avviso,non é il troncamento finale della vocale in alcune parole,perché?1)non tutti i dialetti settentrionali usano far questo in larga misura(ligure:si può dire inesistente,veneto:poco usato.2)anche il pugliese e il campano ,dialetti meridionali usano troncare la vocale finale.Inoltre anche il pugliese trasforma molto spesso la A in E :es. e’ mèr (rom) lu mère (pug)ovvero il mare.Forse perché le terre della Romagna che conosciamo oggi furono per un breve periodo storico occupate dai Galli?Non mi risulta nemmeno questo visto che la quasi totalità,come per la lingua italiana,dei suoi termini sono neolatini con alcuni francesimi di epoca napoleonica.E allora come stabilire la loro classificazione in gruppi?(nonostante essi siano stretti parenti tra loro per via del Latino?.)Ebbene guardando le caratteristiche delle frasi pocanzi summenzionate,cosa possiamo notare?:1)uso dell’articolo determinativo E’ (forma tronca di EL).2)sdoppiamento (ad eccezione della S )delle doppie.3)le parole che in italiano hanno le vocali UO (es.:vuole)diventano O (vòl)e le parole da esse derivate dove la O non é accentata diventano U(vulèmi).Nei dialetti centro-meridionali l’articolo IL diventa:LU,O,IL,LO,ER,…Non vi é uno sdoppiamento ,anzi molto spesso vi é un rafforzamento delle stesse(es. ‘mmonnezza,’mmonno)dove la d viene tolta per accentuare questa caratteristica.Le UO rimangono tali nei dialetti meridionali con un suono ancora più accentuato.Provate ora nel vostro dialetto a tradurre le frasi che ho scritto in romagnolo o qualsiasi altra parola.Se hanno almeno 2 su 3 o ancora meglio 3 su 3 di questi elementi che vi ho menzionati :parlate un dialetto o settentrionale o centrale o meridionale indipendentemente da quale che sia la zona d’Italia dove abitate,perché anche un dialetto chessò parlato in Calabria può avere caratteristiche settentrionali(insomma :non esistono drastici confini disegnati a matita su una cartina geografica).Notate ora le stesse frasi tradotte in Anconetano:el mi fiolo vòle la mnèstra prèma d’andà (m)a la scòla.Nialtri vulèmi el ministrò prèma d’andà a fadigà.A quale categoria appartiene?Lascio a voi il giudizio.Non furono nei i Galli ne un fiumiciattolo a influire sulle caratteristiche basilari dei dialetti italani.Ciao a tutti Livio.

      Fanés wrote @

    (Dialetto bassa riva destra del Metauro..campagna fanese): El fiòl mia vòl la mnèstra préma d’gì a scòla/tla scòla. Niatr v(u)lém el ministròn préma d’gì a fatigà. Il pesarese invece, in queste frasi, è, credo, praticamente identico al romagnolo a parte l’articolo EL per E’. Esistono isole dialettali nell’Italia del sud con caratteristiche settentrionali, certo, però in generale, a parte le regole che Livio prova, in maniera arguta, ad individuare, c’è anche un specie di “sensazione di affinità linguistica”. Quando i miei amici romagnoli o anche reggiani o modenesi parlano in dialetto molte parole e suoni, lo stesso suono del troncamento delle parole, sono affini a quelli delle Marche galliche. Questo non avviene con, ad esempio, i vicini dialetti maceratesi, ascolani, abruzzesi ecc. Un caratteristica credo peculiare dei parlanti dialetti gallici è la presenza della pausa glottidale che i dialetti meridionali di norma non presentano. L’anconetano è davvero un dialetto con caratteristiche comuni a diversi gruppi dialettali e grazie a Livio ho apprezzato anche le evidenti analogie col veneto..che è un gruppo dialettale a parte anche rispetto al gruppo gallico. Caro Livio, io invece credo che il sostrato gallico abbia ancora oggi un evidente influenza di base, anche quindi sul vicino anconetano, ed il confine che divide le Marche in aree culturali ed economiche da tempi antichissimi cioè l’Esino abbia ancora un qualche valore che, è ovvio, col tempo, coi meticciamenti culturali e con la creazione di un’unica regione amministrativa abbastanza accentratrice sta scemando. Dico solo che fino ai primi anni novanta la rivista istituzionale ufficiale di informazione regionale si chiamava IL GALLO E IL PICCHIO. El gal adè è scumpars c’è armast sòl el pichi :-)))

      paolo wrote @

    Nell’area senigalliese: mi fiol vol la mnestra prima d gi a scola. Noialtr volen el minstron prima d gi a fatiga’.

      livio wrote @

    Vorrei far notare come nei verbi o forme verbali che seguiranno,sia per lo sdoppiamento delle parole,sia per la sostituzione della O con la U,sia per il troncamento finale,sia per l’uguaglianza della forma,vi sia un’indubbia parentela e stretta affinità tra quello che è considerato un dialetto gallico o per meglio dire settentrionale (romagnolo)e un dialetto considerato(a mio giudizio erroneamente,ma alla fine giudicate voi) mediano o umbro-laziale(anconetano).(la prima,negli esempi che seguiranno ,sarà la forma in romagnolo,dopo il trattino in anconetano.Affogare:afughè-afugà.Raffreddare:giazè-ghiacià.Amarsi,Amare:vulés bèin-vulése bè.Aspettare:spitè-spetà,spità.Avere:avé-avé.Litigare:ragnè-ragnà.Bollire:bulì-bulì.Comprare:cumprè-cumprà.Dire:dì-dì.Domandare:d’mandè-d(u)mandà.Dormire:durmì-durmì.Essere:èss-èsse.Frugare:sfurgatè-sfurgatà,sfrugatà.Gingillarsi:badurlès-badurlàse.Colpire nel segno:imbruchè-imbrucà.Pettinare:pitnè-pitnà,p’tnà.Mettere confusione,disordine:smanè-smanà.Mangiare:magnè-magnà.Litigare:ragnè-ragnà.Irrigidirsi:incrichès-incricase.Inciampare:scapuzè-scapucià.Stringere:scrichè-scricà.Preoccuparsi:bacilè-bacilà.Pulire:pulì-pulì.Raddrizzare:indrizé-indrizà.Ricordare:arcurdè-arcurdà.Ridere:rid-ride.Risparmiare:sparagnè-sparagnà.Scegliere:capè-capà.Sciogliere:smulè-smulà.Scivolare:sguilè-sguilà.Tagliare:tajè-tajà.Tenere:t’nì-t’nè.Molestare:turmentè-turmentà.Vestirsi:vistis-vistise.Zoppicare:zampighè-zampigà.Etcetera… .Ora tutte queste sono solo fortuite somiglianze?Sinceramente non credo.Ripeto:andando a ritroso nel tempo i rispettivi dialetti summenzionati nacquero tutt’e due nei secoli VI,VII e VIII nel territorio denominato Romània sotto l’impero Bizantino,tra le città di Rimini,Pesaro,Fano,Senigallia e Ancona vi fu un’alleanza di lunga durata detta Pentapoli.E nonostante fu il potere papale a suddividere per loro questioni amministrative questo territorio venuto in seguito a essere sotto il loro potere,non fu di certo Ancona,libera repubblica marinara a farlo visto che non aveva nessuna mira espansionistica.Di certo comunque sotto Lo Stato della Chiesa ,i buoni rapporti tra queste città continuarono e non solo…altro che linee su una carta geografica .Ciao a tutti,Livio.

      paolo wrote @

    Ciao Livio, vedo con quale forza fai avvalere le tue convinzioni! Bravo, ci sono veramente molte somiglianze tra il romagnolo e l’anconetano, come hai ampiamento illustrato. Credo che se tu non fossi d’accordo con i professori e scrittori di filologia romanza (quale Lorenzo Renzi, e altri), bisognerebbe dirglielo a loro che non hanno capito qualcosa a riguardo del dialetto marchigiano. Credo che Fanes volesse mostrarti come si traduce nella realta’, citando certe somiglianze tra il dialetto fanese e dialetti emiliani oltre Bologna, il fatto che si parli di dialetti gallici come separati da quelli, per esempio, di Iesi o Macerata. La zona del Conero e’ spesso segnalata come un’isola linguistica (credo simile al Senigalliese). Per quanto riguarda le linee sulla carta geografica, non le ho certamente inventate io, Ne puoi vediere una interessante nel sequente sito: http://it.wikipedia.org/wiki/Linea_Massa-Senigallia . Questo non toglie che ci siano somiglianze tra gruppi dialettali che vengono classificati separatamente. Alora c’arsentin!

      Fanés wrote @

    Livio, non sono un linguista, ma credo proprio che la tua teoria debba essere approfondita perchè probabilmente vera, del resto il dialetto anconetano come si è già detto, rappresenta anche nelle teorie linguistiche accettate, un gruppo autonomo rispetto ai dialetti a sud e a nord, ma forse, come tu suggerisci dovrebbe essere situato all’interno del macrogruppo gallico e non umbro-marchigiano…dovremmo trovare un prof. di dialettologia cui sottoporre la teoria oppure scrivici un articolo tu 🙂 che sarìa’nca mej!

      livio wrote @

    Caro Paolo,nel sito da te consigliato ho notato quanto segue e in esso si afferma:la linea Massa-Senigallia divide la zona isoglossa delle lingue romanze occidentali(Spagnolo(castigliano),Francese,Catalano,Portoghese,i dialetti italiani settentrionali:venete,galloitaliche,romancio,ladino,friulano),da quelle orientali(Italiano,Romeno,(e i dialetti parlati a sud di questa linea(immaginaria?) ),….(quindi anche,l’anconetano?.E se la linea fondamentale allora fosse invece quella paventata da altri la :La Spezia-Rimini?Addio settentrionalità ,addio Pentapoli etc.?.).A sinistra di una cartina,fatta a quanto pare da gente straniera,(ma gl’Italiani,non riescono a fare un serio e accurato studio senza dipendere da fonti esterne,come se queste proprio per questo é come se avessero valore assoluto?,mah..),viene detto quanto segue :…é caratteristica della parte occidentale…Per esempio,il latino FOCU(M) …é diventata FUOCO in italiano e FOC in romeno (ma come osservo io non é questultimo lo stesso troncamento usato e ritenuto da alcuni fondamentale per riconoscere se un dialetto é gallico?Lo troviamo qui in un dialetto romanzo-orientale?Mah…vuoi vedere che poi tanto fondamentale non lo é?),ma FOGO nelle lingue Norditaliche e FUEGO in spagnolo (e il francese ,dov’é finito?).Ma notate !:FUOCO in anconetano si dice FOGO,e in romagnolo FOG !(quindi a detta anche di loro,più settentrionale di così!,mah!?.Fate voi…Io dico o queste linee(immaginarie)o si fanno per bene o si dica:settentrionale,ha queste caratteristiche ;centrale,meridionale quest’altre,punto.Senza tante congetture ,come quella riportata poco più avanti nello stesso commento: …a parte i parlati italiani settentrionali che SEMBRANO però averlo conosciuto in passato…(scusate,ma siamo seri ,o ci vogliamo prendere in giro?).Comunque sta difatto che non tutti gli studiosi concordano sulla correttezza di queste linee ne sul sistema per definirle.Riguardo a me,valgono le cose che vi ho già riferito in precedenti commenti.Ciao a tutti con simpatia,Livio.

      paolo wrote @

    Per vostro dileggio, o orrore, vi invio una pseudo poesia in dialetto senigalliese. E’ un po’ lunga, magari ne ascoltate una parte. Se volete mandare pezzi parlati nei vostri dialetti, possiamo analizzare e discuterne similarita’ e differenze. Ecco la “poesia”: http://www.youtube.com/watch?v=DBNu7en70KE . Ascoltate a vostro pericolo! Abbracci, Paolo

      livio wrote @

    Caro Paolo,ho ascoltato la poesia e ho tratto queste considerazioni:L’articolo EL é usato nella sua forma intera come avviene per il dialetto anconetano e non in una forma contratta come avviene in Romagna.Questo,anche se può sembrare insignificante, a mio avviso non lo é perché avvicina di più Senigallia ad Ancona che ad altre zone logisticamente e culturalmente più lontane come la Romagna stessa.Anche la parola ADE’ ,conferma questo , ad Ancona si usa la forma ADE’ e non l’ ADES della Romagna.Quindi vedo grande affinità ,connessione tra i due dialetti.Anche le parole nella loro maggioranza sono le stesse .Esempio la frase:la fundaziòn d’ S’negaja ,in anconetano é:la fundaziò d’ S’negaja,a parte la N ,il troncamento si può dire lo stesso,perché?perché in anconetano il troncamento viene fatto subito dopo la O accentata mentre in senigalliese si tende a mantenere la N,ma questo non toglie che il risultato nel suono della parola tronca sia praticamente lo stesso;del resto l’uso di troncare praticamente le stesse parole accentate avviene in tutt’e due i dialetti .Altro aspetto che avvicina di più Senigallia ad Ancona che ad altre zone ,riguardo questa frase é:la fundaziòn D’ S’negaja,D’ come in anconetano e non AD come in romagnolo.Ora di seguito ti scriverò delle frasi della poesia con l’aggiunta tra parentesi della vocale che in senigalliese viene tolta,ma che in anconetano rimane.:El cumandant(e)Brenno om(o) miga da gnent(e),arturnava da Roma carigo d’oro e d’argent(o-u).-adè lu e la trupa erane cuntenti on bel pò.-e arlotti la pentegana media.-la neva nu i dispiaceva manco per gnent(e).-parò é la gent(e-a)mia.E così via…In tutta questa cosiderazione io vedo una strettissima affinità tra i due dialetti(e qui mi chiedo,considerando oltre tutto che la cadenza ,la pronuncia é la stessa,come fanno certi dialettologi a considerarli uno gallico e l’altro umbro-laziale?Boh!?Ciao a tutti,con simpatia e affetto,Livio.

      paolo wrote @

    Ciao Livio, come dici tu ci sono grosse somiglianze tra il Senigaliiese e l’Anconetano. E per quanto mi sembra di capire, l’Anconetano, avendo racolto l’influsso di diversi dialetti, vicini e lontani, e’ linguisticamente un’entita’ a se’ stante. Visto che io non so quasi nulla di dialettologia o linguistica posso solo portare esempi riguardanti il dialetto del Senigalliese. L’area Senigalliese e’ composta dalla citta’ e tre paesi limitrofi: Castelcolonna, Monterado e Ripe. Io provengo da uno di questi paesi e per noi del paese il nostro dialetto e’ considerato certamente diverso da quello di Senigalla!!!! Per esempio nel mio dialtetto si dice ‘gi” mentre a Senigallia si dice “Anda’” e a Senigallia il voi si coniuga “Ande’”.In realta’ si notano differenze dialettali piu’ rilevanti con altri paesi fuori dal senigalliese. Quando io facevo il liceo a Senigallia, avevo compagni di scuola di Ostra, Corinaldo, Ostra Vetere, Belvedere, etc.. A parte il discorso del troncamento finale, c’erano delle particolari espressioni con contraddisguevano l’area di Senigallia. Nel senigalliese si usano le seguenti parole, che non venivano usate negli altri paesI:
    Sa = Con
    Mali’, Machi’, Malassu’, Maquaggiu’ = Li’, Qui, Lassu’, Quaggiu’.
    Ma lu, Ma lia = A lui, A lei.
    Nvell = in nessun luogo
    La Francesca, La Simona (negli altri paesi non si usa l’articolo davanti a un nome proprio femminile).
    Oltra: vuol dire Qui o Li’, esempio: Vien oltra, Va oltra = Vieni qui, Vai la’.
    I miei compagni ostrensi direbbero in dialetto “Que?” mentre noi diremmo “Co’?” per dire Cosa?, Quelli di Corinaldo direbbero “Allusci'”, e noi “Colmo’”, per dire Cosi’. Aggiungo un altro aneddoto: ricordo che quando ero piccolo nel mio paese si dicevano le seguenti parole di origine francese (forse di era napoleonica): La dinda o el dindon = il tacchino; l’armua’ = l’armadio; la puscion = il possedimento terriero.
    Come vedi ci sono abbastanza ingredienti per un buon brodetto!!! Una prima osservazione e’ che so personalmente che le allocuzioni SA, MA, OLTRA, NVELL, LA + nome etc, esistono almeno nella parte sud del pesarese (ho parenti a Mondolfo e Marotta in PU e il dialetto e’ molto simile). Inoltre presumo che queste espressioni non esistano in romagnolo. E’ vero quello che dici tu a proposito del AD dei romagnoli: similarmente loro dicono “Am’arcord”, noi semplicemente “M’arcord”.
    Altra osservazione e’ che al giorno d’oggi con la facilita’ di movimento e comunicazioni, il “meticciamento” tra dialetti diversi credo sia piu’ comune che in passato. Per lo meno, il senigalliese ha probabilmente incorporato accenti e espressioni di localita’ limitrofe aventi dialetti diversi, incluso l’Anconetano), e viceversa. Mi viene da dire che forse le cose sono in movimento e le mappe linguistiche fatte dai grandi studiosi siano da rielaborare.
    Un abbraccio,
    Paolo

      Fanés wrote @

    le lingue si evolvono in continuazione, sono vive, Senigallia gravita maggiormente su Ancona specialmente dopo essere stata inserita in quella provincia seppur in precedenza appartenente al Ducato urbinate (parimenti Ancona si prese Loreto per avere sufficiente territorio provinciale) e il meticciamento linguistico è avvenuto più in direzione di Ancona, direzione anche dei flussi socioeconomici collegati. Pesaro e Fano hanno mantenuto un maggiore legame con il nord extraregionale e questo si riflette nella lingua locale. Partendo dalla teoria, di buon senso, per cui il gallico-marchigiano sarebbe un sotto gruppo del romagnolo, da quel che dici il senigalliese è però ancora molto simile al romagnolo: sa=con è pesarese e basso romagnolo (e secondo me di orogine slava), unvel/invel (avverbio di luogo secondo me bellissimo) è altrettanto pesarese, fanese, urbinate e romagnolo, indò (dove) è anche romagnolo, pu=poi è anche romagnolo, dopp=dopo è anche romagnolo, dria=dietro è anche romagnolo, acsì/acsé è anche romagnolo ecc. Un modo di dire molto bello tipico del fanese e dell’urbinate è “me sa mil an da..” storpiato in “me sa miland” che vuol dire “non vedo l’ora di”..tipo “me sa miland ch fnisc da piov” e che si ritrova in poesie fiorentine del trecento tipo “mi par mill’anni di riveder la mia bella”..
    Altro modo dire dire arcaico è “mustra ch” difficile anche da tradurre in italiano..tipo “M sbaiarò mo m’sa che Gvanìn fa tardi, mustra c’ha pèrs la Liturina dle dò”
    Conoscete?

      paolo wrote @

    Ciao,

    Da noi si dice:
    ndo’ = dove
    pu (ma anche po) = poi
    dop = dopo
    calza’ = premere
    faria = farei, faresti, farebbe
    d’ co’ n’ha? = che senso ha?

    In via di estinzione. cioe’ credo solo gli anziani usano [segno di meticciamento]:
    Dria – dietro
    M’ sa miland = non vedo l’ora
    Mostra ch’ = pare che
    Feva = faceva
    Pia = piedi
    N’acada = non c’e bisogno (credo scomparso)
    Pialla pina = essere fortemente punito (credo scomparso)

    Acsi’ non si usa.

    Ci sono sicuramente moltre altre espressioni e parole che ora non mi vengono in mente, anche perche’ non vivendo li’ me le sto un po’ dimenticando.

    Sono d’accordo che l’area senigalliese abbia molte similarita’ linguistiche con dialetti del pesarere ma che con il tempo abbia ricevuto e inglobato elementi delle altre parlate della provinicia di Ancona. Questo soprattutto dopo essere stata annessa alla provincia di Ancona a seguito dell’unione d’Italia (conseguente alla caduta di Pio IX, che era di Senigallia) e per la contiguita’ geografica con altre localita’ della provincia di Ancona resa ancora piu’ effettiva dai movimenti legati a ragioni commerciali, economiche, e amministrative.

    Dunque considererei la zona di Senigallia un “porto franco” dove sono in corso transazioni e transizioni linguistiche che rendono l’uso della lingua particolarmente dinamico e interessante.

    Cari Saluti,

    Paolo

      livio wrote @

    L’associazione culturale bolognese”il ponte della bionda”nel suo link,al sottotitolo:’cultura dei dialetti emiliani,romagnoli e imparentati ‘,annovera anche i seguenti siti:dialetto di Fano,dialetto di Urbino,dialetto di Ancona.Qualche perplessità a riguardo?Facciamo allora un confronto tra parole e termini dialettali bolognesi e anconetani.Dopo la parola in italiano seguirà il termine in bolognese e dopo il trattino quello anconetano.Abbagliare:inbarbajèr-inbarbajà(re).Abito:pagn-pagno.Acquazzone:scuass-scuascio.Addentare,mordere:musgher,dèr d musgut-muscgà,dà d muscgoti.Aiuola:aiola-aiola.Allargare:slarghèr-slargà(re).Alunno:sculèr-scularo.Annusare:nasèr-nasà(re).Avvenimento:fàt-fàto.Assordare:insurdìr-insurdì.Arrossire:arusir-arusi.Appestare:inpstèr-inpstà.Antico:antig-antigo.Angolo:cantàn-cantò(ne).Amico:amig-amigo.Allentare:slintèr-slintà.Aguzzare:guzèr-guzà(re).Adesso:adès-adè.Pantofola:papossa-papòcia.Balbettare:tartajèr-tartajà(re).Baracca:baraca-baraca.Barbecue:gradèla-gradèla.Barcollare:tranbalèr-tranbalà(re).Barra:stanga-stanga.Bavaglino:bavarol-bavarolo.Bernoccolo:bergnocla-b(e)rgnocola.Binocolo:canucèl-canuchiale.Bucare:sbusèr-sbugà(re).Buccia:pèl,scorza-pèla,scorza.Calpestare:pistèr-pistà(re).Canaglia:canaja-canaja.Capanna:capana-capana.Coperta:cuèrta-cuèrta.Cuoco:cug-cogo.Commedia:cumedia-cumedia.Davanti:dnanz-dnanzi.Desiderio:voja-voja.Diluire:slunghèr-slungà(re).Dissesto:scuncuàs-scuncuàso.Districare:distrighèr-distrigà(re).Dondolare:sdundlèr-sdundulà(re).Donna:dona-dona.Ernia:ergna-ergna.Famiglia:famaja-faméja.Fatica:fadiga-fadiga.Fetore:pesta-pesta.Fico:fig-figo.Fiamma:fiama-fiama.Fiacca:fiaca-fiaca.Figlia:fiola-fiola.Fodera:fodra-fodra.Foglia:foja-foja.Foglio:foi-foio.Finestra:fnestra-fnestra.Formaggio:furmai-furmaio.Fratello:fradel-fradelo.Fuori:fora-fora.Gamba:ganba-ganba.Graffio:sgranfgnòt,sfris-sgranf(i)gnòto,sfrigio.Guancia:ganàsa-ganàscia.Guerra:guèra-guèra.Imprecare:smadunèr-smadunà(re).Lotta:lòta-lòta…..e così via.A questo punto coverrete con me che l’associazione culturale bolognese non ha poi tutti torti…storia,cultura,tradizioni,parentela,dialetto,sono molto più radicati e vicini ,in queste terre tra Romagna e Marche, di quello che alcuni in maniera molto superficiale vogliono credere o far credere per loro personali ragioni.Ciao a tutti Livio.

      livio wrote @

    Una particolarità più unica che rara in Italia,della regione Marche è quella che all’interno dei suoi confini convivono dialetti definiti ,appunto per questo”marchigiani”,ma che al tempo stesso sono :settentrionali,centrali,meridionali;potremmo definirla una Svizzera italiana.All’interno di questa realtà,alcuni dicono:siccome il mio dialetto è ritenuto un sottogruppo del romagnolo,perchè allora non staccarci dalle Marche per unirci poi alla Romagna?Sarebbe la cosa più logica da fare?Personalmente riguardo a questo non so che dire,ma faccio questo ragionamento:gli svizzeri del Canton Ticino ,cantone di lingua italiana,ragionano che siccome parlano l’italiano,è per questa ragione indispensabile staccarsi dalla Svizzera per unirsi all’Italia?Tutt’altro!sono fieri di essere considerati svizzeri e orgogliosi di parlare l’italiano;perchè allora non dovrebbe essere la stessa cosa per chi parla addirittura non un romagnolo ma un’sottogruppo’ del romagnolo e vive nelle Marche?.Lo so qualcuno potrebbe dire:andando a ritroso nel tempo la Romània nacque sotto l’impero Bizantino e sotto quel nome vi erano anche tutte quelle terre che da Ancona arrivavano fino a Bologna;ma coloro che hanno mantenuto il nome Romània(o in dialetto:Romagna),nel rivendicare la loro autonomia dall’Emilia,nel loro viaggio a ritroso nel tempo(per motivi per me incomprensibili)non arrivano ai Bizantini,ma si fermano prima a un confine che pressapoco è quello attuale della Romagna.Quindi se loro stessi reputano che le cose vanno bene così,perché insistere? Inoltre a quelli che dicono :ma le nostre terre non furono soggette ai Malatesta signori di Rimini?Non vediamo nelle nostre città i loro castelli?A questi vorrei far notare che i Malatesta erano di origine germanica e venuti in Italia si insediarono nelle Marche per poi estendere i loro domini nella Romagna e in altre parti delle Marche stesse:quindi se ci fermiamo a quel periodo storico,perchè non rivendicare le terre dei Malatesta perchè siano annessi alle Marche?O addirittura chiedere di unirci alla Germania?La cosa più saggia forse è rimanere come si è,pur cercando di trovare il più possibile motivi di unità tra Romagna e Marche (romagnole?)e non solo.Se poi si vuole stravolgere tutto,che si faccia un plebiscito.In Svizzera manco ci pensano a farlo se venire a far parte dell’Italia;mica sono matti .Ciao a tutti,Livio.Ciao anche a te erica(la piò Marchigiana de tuti,en senso pusetivo chiaro).

      Fanés wrote @

    Caro Livio, tu stesso fai notare che i confini sono cambiati in continuazione e, per chi non si fosse accorto, sono cambiati anche nel 2009 con il passaggio di tutta una vallata e 17.000 abitanti del pesarese alla Regione Emilia Romagna (i politici regionali a maggioranza anconetana nemmeno sanno dove fossero queste aree della Regione, le carte turistiche regionali più volte uscirono collocando queste zone in Romagna come anche Gabicce…). Alla base di alcune proposte di modifiche di confini amministrativi non c’è la lingua o non solo. La tua opinione è rispettabile ma tu rispetta l’opinione di chi fa ipotesi diverse su basi, come tu sai, nemmeno tanto deboli. L’attenzione scarsissima da parte del capoluogo regionale (in senso politico, finanziario e identitario) per la Provincia di PU è un dato oggettivo..che forse ha origini anche storiche..ci sono motivi antichi per tutto. Con questo non voglio assolutamente dire che la Provincia di PU debba staccarsi dalle Marche, dico solo che parlarne non fa male a nessuno, le Marche sono bellissime, sono casa per me, ma non esistono.. 😉

      livio wrote @

    Caro Fanès,io sinceramente penso che i comuni della Valmarecchia anche dopo il voto dovevano continuare a far parte della provincia di PU,perchè?1)per il motivo che per attuare cambiamenti del genere non può essere sufficiente il 50% di SI.Contro 30%di NO+20% di non votanti.Mediamente un sostanziale pareggio tra chi voleva la secessione e chi per voto contrario o per disinteresse a che ciò avvenisse manifestandolo con il mancato voto a sostegno sia per il SI o per il NO.2)Sicuramente molti esprimendosi per il SI hanno voluto manifestare più il loro malcontento per la cattiva amministrazione provinciale avuta per decenni e non certo per motivi legati a parentele linguistiche.Tante volte infatti parlando con persone,sopratutto di una certa età(i giovani sono meno interessati a queste cose e a loro va bene tutto)alla mia precisa domanda:ma tu sei marchigiano o no?La risposta era:certo che lo sono!.Chiaramente c’è da elogiare la tenacia, la combattività dei promotori del SI,che proprio probabilmente sfruttando questo malcontento e spingendo sulla romagnolità di quelle terre e quindi sui legami di sangue(il 40-50%,o forse anche più, della provincia di Rimini è di origini marchigiane)hanno fatto il resto.E dov’erano le amministrazioni della provincia di PU ,i loro comitati a favore del NO?Non mi risulta di aver sentito il loro dissenso in maniera sostenuta e organizzata a riguardo. Quelle stesse amministrazioni della provincia di PU che per decenni hanno ignorato la possibilità di collegare questa parte del proprio territorio con una migliore viabilità stradale che ne avrebbe accorciato le distanze dal capoluogo Pesaro;o decentrando a favore di Novafeltria certi uffici amministrativi affinché gli abitanti di quei luoghi non fossero costretti ad andare a Pesaro per le loro pratiche.Quando ho espresso il mio pensiero che le Marche odierne io le vedo come una Svizzera italiana e che forse dovrebbero rimanere come stanno senza andare a fare chissà quali scombussolamenti geografici;questo non vuol dire che non rispetto o non prenderei in considerazione altre soluzioni o ipotesi.Ad esempio facendo il discorso sulla parentela dei dialetti,che sono nati nel VI,VII,VIII secolo nei territori Bizantini della Romània,farei separare l’Emilia(esclusa la provicia di Bologna quindi) dalla Romagna e unirei questa alle Marche.Storicamente,ma anche linguisticamente la Romagna e le Marche sono molto più vicine e simili che non la Romagna con l’Emilia(Bologna esclusa).Ciao con simpatia,Livio.

      Fanés wrote @

    Caro Livio,

    le popolazioni della Valmarecchia, circa 17.000 abitanti, hanno rispettato i dettami della Costituzione, c’è stato un referendum che ha dato esiti all’80% (dei votanti, ma chi non è andato a votare era evidentemente poco motivato o indifferente) pro secessione ed una legge dello Stato votata dai parlamentari..quindi del tutto democraticamente, le ragioni molteplici le conosco anche io ma è bene accettare ripeto democraticamente quanto voluto da quelle popolazioni. Tra le tante cause della loro fuoriuscita c’è la negligenza della regione Marche, in gran parte Anconacentrica. Fai bene a citare la Svizzera, ma questa, mutatis mutandis, ha un sistema di governo che dà voce ed autonomia a tutte le componenti del sistema. Nelle Marche si parla solo anconetano, in termini politici, (da sempre le giunte regionali sono a maggioranza anconetana..e non è un caso). La Valmarecchia è stata lasciata isolata e affidata a Rimini, sarebbe bastata, una strada veloce e decente per Pesaro e Urbino, invece le uniche strade decenti (la quadrilatero) progettate in questi 30 anni, riguardano guarda caso il centro sud della regione. Ancona grazie al fatto che è capoluogo assorbe finanziamenti spropositati per trasporto, ambiente, ecc. ma Pesaro e Fano, praticamente un’unica città, hanno 155.000 abitanti, quindi meriterebbero attenzione. Per stare bene insieme bisogna crederci, hai visto cosa succede per le province? Pur di salvare Fermo, hanno tentato di mettere in discussione Pesaro e Urbino, l’unica che rispetta i criteri governativi, è un bell’esempio di unità! In Romagna hanno abolito tre province senza fiatare. Gli esempi sono molteplici ora mi limito a questi. Con tutto ciò, ripeto, le Marche sono il mio luogo dell’anima, ma le Marche amministrative hanno fallito a causa di una politica partitica ignorante e miserrima. Quando andai alla mia prima ed ultima Festa delle Marche, giorno di orgoglio regionale, al teatro Rossini di Pesaro, per finire in bellezza mostrarono una serie di spezzoni di film e opere varie, curate dalla Regione, che rappresentavano appunto la regione..ebbene c’erano tutti gli accenti dai fermani agli anconetani agli ascolani ai maceratesi ovviamente mancavano i pesaresi-urbinati..piccolissimo esempio..ma sintomatico.

      livio wrote @

    Cume sté, bè? Ci’ago piagere.’N’oratore ha dito:lo sapete che a Pesaro,quando uno è pieno di debiti o ha i debiti,si dice che ha i ” buffi “? Poi rivolto all’uditorio ,composto da parecchi romagnoli,ha chiesto loro:anche voi usate questo termine?Alché sono seguiti commenti che smentivano l’uso di tale parola in Romagna in riferimento ai debiti.Io ho pensato:bé,però questa parola è usata anche ad Ancona(buffi o bufi) e con la stessa finalità:vuoi vedere che allora il dialetto pesarese è strettamente imparentato con quello anconetano?Siceramente io di questo non ho mai avuto dubbi;del resto quando andavo a Pesaro dai miei zii,mio padre e loro quando parlavano si capivano benissimo ,pur esprimendosi ognuno nel proprio dialetto.Anzi potevo cogliere ascoltandoli molta affinità per la cadenza e la pronuncia e il modo di ragionare. Ciao a tutti,Livio.

      livio wrote @

    Cus’ago da dive?Dumanda:oltre le caratteristiche comuni che hanno le città di Pesaro,Rimini e Ancona:storia(Romània-Bizantina,Esarcato sotto Ravenna,Pentapoli e Stato della Chiesa ),dialetto(affinità,modi di dire e di pensiero),tradizioni,territorio.Cos’altro può confermarne tra loro la stretta parentela?Una pubblicazione stampata in Romagna,riguardo specifici cognomi che sono diffusi nella regione e che quindi ne sono divenuti una caratteristica indipendetemente che siano espressamente o no nativi della regione stessa,riguardo al cognome ,Pesaresi,afferma:- Hanno diffusione in 150 comuni…con due fortissime concentrazioni a Rimini e Ancona,segno che nel corso dei secoli la gente di Pesaro ha preferito trasferirsi solo vicino a casa. – Ora per coloro che ancora manifestano perplessità di fronte a queste evidenti prove di parentela ,che dire?:non é possibile negare l’evidenza dei fatti;questioni personali dettate da simpatie o antipatie o preconcetti non possono cancellare la realtà delle cose:chi con l’unità d’italia ha avuto l’autorità di dividere il paese in regioni ,evidentemente non conosceva bene la storia millenaria di queste città e tutto il resto,cognomi compresi.Ciao a tutti,Livio.

      livio wrote @

    Anca st’ano sp’rami d’arsentice pa’score d’el dialetou o quelo ca vulè vialtri.Ntel fratenpo p’fave capì cume ‘l rumagnolo nun è ‘na parlada unega nutè sta frase ch’n’etaglià è :”Vogliamo fare così.”:In riminese :Vulemi fè isì.Zona Verucchio-Sant’Arcangelo diventa:V’lem fè acsè.Voi come la dite nella vostra zona?Int’Ancona :Vulemi fa cushì o cusì.Ciao,Livio.

      livio wrote @

    Oh,alora!?Cume ste?! El comego Deluigi dige che l’espresio’,oh alora ,alora,e’ tipica della Rumagna e si usa quando incontri qualcuno che da molto tempo non vedi o non ti aspettavi di vedere in quel momento.Espressione che da sola esprime: come stai,come te la passi dopo tutto questo tempo,come sta la tua famiglia,il lavoro come va,che cosa hai fatto,tutto bene!?,etc…anche in Ancona si usa i questo senso,e voi!?Ciao a tutti e steme be’ .Livio.

      livio wrote @

    Sa l’isis cum c’andremi a feni’?An se sa’,vera? L’anpurtante c’an la perdemi prema del tenpo( la crapa,anca s’è fadiga).Donca gudemece sti oltemi giorni, ca po l’ano domela e sedegi ci’al dera’ sa ciala taine.Prema da salutave on pentsiero:co tuto el respeto pe
    le relegio’,ma e’ puseble ca Dio ca cia’ fato po c’entsegna tramete ‘n’omo da mazace tra de nialtri ?
    E Giesou’ ‘lora ?! (ca puro lu’ e’ cuntsideratu
    on prufeta da sta genta ,nato prema e cuntsideratu pio’ grando
    pe ‘npurtanza anca da qulu’ ca e’ venuto dopu : Maometto) ca se’ fatou maza’ pu de salva’ la genta e cia’ cumandato da vulece be’ ?
    E San Pietro dige ca Giesou’ e’ ‘l mudelo da pia’ d’esenpio da segui’ pe ‘sse omini fedeli a Dio
    miga n’anto :Francesco,Maometto,Pio,Antonio,Maria,e cusi’ via.Ma chi e’ sta genta? Es:sa ve digo ca pe’ score cu me va duve’ revolge al mio segretario Gesu’,ma pare ca s’ande’ da chi va pare a vialtri cu me en ce scurere’ mai!. Giosto? O sbaio? Vala’ ca digo be’! Va pare?!
    O save’ ca ve digo !? Fe’ cume va pare, ognono e’ libaro da sbaia’!de shiguro pro’ an ve taio la zoca pe’ sto fato!Ciao a tutti e steme ne!Livio


    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: